Vai al contenuto

Daniela Mariano con Emma, ospite a Cronache Animali - Rai2 - puntata del 18/10/2014

L'intervento di Daniela nel corso della trasmissione è il secondo servizio (circa 6 minuti dopo l'inizio del programma).

Rilassati

Daniela ha iniziato con gli umani, poi per caso ha provato con gli animali

Dopo anni di lavoro in banca, ha deciso di cambiare vita. E' diventata quella che cura gli animali con i massaggi, e precisamente con le tecniche shiatsu. Daniela Mariano è diventata operatore shiatsu sugli umani, e casualmente si è resa conto con una cavalla, Valencia della Principina, che il suo metodo può funzionare anche sugli animali da affezione.

I risultati
Per arrivare a degli ottimi risultati, occorre studiare, imparare ad ascoltare, osservare, studiare il loro comportamento e mettersi in relazione, sono gli stessi 4 zampe ad indicare la problematica. Lo shiatsu è un trattamento che va praticato con la presenza indispensabile di un veterinario. La palma di animali trattati più frequentemente va ai cani e ai cavalli, ma non mancano conigli e gatti. La terapia si applica in ogni tipo di patologia, più spesso nel post operatorio, diventa un aiuto per recuperare più in fretta, e nei soggetti anziani affetti da patologie dolorose, attiva la capacità naturale di autoguarigione. In tutti i casi, gli animali si rilassano o si addormentano profondamente, con un sonno rigenerante, esattamente come per gli umani.

I massaggi e le tecniche shiatsu di Daniela Mariano hanno curato un border collie dall'ansia, e una tartaruga, in questo caso con un massaggio sul carapace.

"Ognuno di loro lascia un biglietto da visita - spiega Daniela Mariano - Un giorno si è presentata in studio una signora con un border collie che doveva fare gare di Obedience. Ogni qualvolta saltava, sembrava soffrisse di sciatica. In realtà il problema era causato da una rabbia inespressa nei confronti del fratello sofferente di epilessia. Dopo alcune sedute, lo sguardo e la sclera bianca dell'occhio, hanno ripreso la loro vivacità, un segnale che lo shiatsu avesse ristabilito un equilibrio psicofisico".

Altre volte, per un migliore risultato, è necessario confrontarsi con esperti del settore e conoscere l'etologia della specie, e in altri casi, vanno studiati gli atteggiamenti dei proprietari, che si rivelano speculari ai loro amici fedeli. I gatti sono i più complicati da seguire, ma allo stesso tempo i più autonomi, e anche un gallo e una tartaruga di terra hanno ottenuto benefici dalla tecnica orientale, E' bastato massaggiare il carapace, e la testuggine ferita, vittima di un'aggressione da parte di un cane, è rimasta immobile. Segno che i massaggio riequilibra e genera rilassamento su tutti.

(Articolo scritto da Alma Brunetto, pubblicato su La Stampa rubrica Animalia, 23 settembre 2015)

Trattamento multiplo

Gli animali, quando accettano i trattamenti, sanno essere molto precisi nelle loro richieste.

LA FIGURA DELL'OPERATORE SHIATSU

In Giappone esiste dal 1964, mentre in Italia non vi è ancora una regolamentazione a tutela dei professionisti e degli utenti del settore.
in attesa di una Legge ad hoc, possono dedicarsi a questa disciplina, veterinari e operatori che abbiano frequentato un corso Shiatsu.

Daniela Mariano e la Dott.ssa Sira F. Vanna, oltre ai corsi tradizionali per gli umani, hanno seguito uno stage con Masato Fukuyama, insegnante di Shiatsu per cani e gatti, e consulente olistico per animali. E' stato

il primo a portare in Italia il metodo della Japan Pet Massage Association, fondata nel 2005 dal Dott. Takashi Ishino, con l'obiettivo di insegnare lo Shiatsu ai proprietari degli animali, in modo da poter integrare, alle terapie veterinarie orientali e occidentali, la pratica quotidiana dei trattamenti.

"Nei miei corsi - spiega Masato Fukuyama - sottolineo sempre che io sono solo un terapista, mentre se il proprietario applicasse lo Shiatsu sul proprio animale, diventerebbe un 'super terapista', sia perché ha la possibilità di praticarlo tutti i giorni, sia perché, ovviamente, ha instaurato con il proprio animale, un rapporto di conoscenza e fiducia, che lo pone certamente in una posizione privilegiata rispetto ad un semplice operatore".

Possiamo imparare facilmente, ma, ovviamente, la tecnica e la capacità manuale si affinano man mano che acquisiamo maggiore esperienza. Se scegliamo invece, di frequentare il corso per diventare operatori Shiatsu per gli animali, e non siamo veterinari, è bene collaborare a stretto contatto con questi ultimi, meglio se sono anche omeopati e agopuntori. Il loro supporto è fondamentale.

Quando una seduta Shiatsu viene eseguita con attenzione e preparazione, assecondando i tempi e l'etologia dell'animale, i nostri amici a quattro zampe non possono che trarne enormi benefici, soprattutto se a praticarlo è il loro compagno umano, dopo aver partecipato ad un corso che lo abbia adeguatamente preparato.

(abstract articolo scritto da Tamara Mastroiaco, "Lo ShiatsuKa a servizio degli animali", pubblicato su Bio Magazine, marzo 2016)